DIARIO / QUESTIONE DI COERENZA? - secondo lucy

DIARIO / QUESTIONE DI COERENZA?

lunedì, ottobre 24, 2011


Ieri a aprendo Facebook non mi sono stupita più di tanto nel constatare che ancora una volta c’era un’invasione di link, commenti messaggi e quant’altro dedicati alla scomparsa di Marco Simoncelli. Non mi sono stupita perché non troppi giorni fa era accaduto lo stesso per Steve Jobs ma l’elenco è lungo perché accade ormai per ogni morte celebre. Devo essere onesta non lo capisco. Forse perchè ho la presunzione di fare il giusto utilizzo (esiste?) di Facebook o perlomeno mi sono autoconvinta: ho pochi amici (forse potrei averne ancora meno, non più di 100 sarebbe il giusto limite ho letto da qualche parte), non condivido mai pagine e link con frasi fatte o estratte da canzoni, non accetto richiesta di amicizia di chi non conosco e soprattutto ci scrivo raramente solo alle volte per condividere qualcosa con i miei amici reali magari per scherzare e perché è più comodo ed economico dell'invio di un sms. In realtà così era Facebook quando qualche anno fa mi sono iscritta quando non esistevano pagine ma si potevano creare solo gruppi per prendersi in giro e quando non c’era il mondo


La mia riflessione non voleva però essere su Facebook in sé ma su questa condivisione massiccia di un lutto che probabilmente in altri casi sarebbe stato ‘vissuto’ solo da chi Simoncelli lo seguiva veramente. Non metto in dubbio che la gente si dispiaccia realmente a vedere un giovane di 24 anni che muore in diretta (anch’io ieri ne sono rimasta colpita anche perché non da appassionata mi capita spesso di seguire le gare di Motogp e Formula Uno) ma da qui a iniziare a postare link su link sulla propria bacheca della serie ‘ci mancherai’ quando magari fino al giorno prima non si sapeva nemmeno chi fosse questo onestamente non lo capisco. Non lo so se si può parlare di coerenza, ma sembra ormai che tutto passi per Facebook anche quello che in realtà non ci toccherebbe, come se certe persone si sentono costrette dalla condivisione di gruppo a partecipare in questo caso ad un lutto.



Leggi anche questi

2 commenti

  1. Mi piace il tuo modo di scrivere, mi piace il tuo modo di pensare e di far fluire pensieri e considerazioni in modo così chiaro e mai banale.
    Inizio a seguirti.
    PS: condivido la tua opinione sulle morti "famose"...

    RispondiElimina

Iscriviti