MODA / H&M feat. VERSACE: DEMOCRATICA PRESA IN GIRO?

martedì, novembre 22, 2011

Ogni volta che H&M propone una nuova collezione in edizione limitata mi chiedo che senso abbia. O meglio il senso ovviamente c’è e si chiama marketing però è anche vero che finiscono perlopiù per favorire aste a prezzi folli su eBay. Per carità è anche vero che chi decide di pagare quasi il doppio, del non già low price, per un vestito di Versace che ha la stessa qualità delle normali collezioni di H&M merita forse un po’ di essere fregato.



Parto dal presupposto che poche delle collezioni speciali realizzate fin d’ora mi sono piaciute, ma anche se così fosse stato non mi sarei mai messa in coda per accaparrarmi un pezzo. Non voglio essere troppo critica verso chi lo fa, solo ammetto che non lo capisco. Non mi metto in coda ai saldi: se una cosa me la posso permettere la compro ovviamente se trovo l’occasione la sfrutto non ci sputo sopra anzi ma ‘crearmela’ con ore e ore di coda fuori da un negozio e magari anche con litigata con la malcapitata di turno che ha il mio stesso numero di scarpa non fa per me. Evito a priori e spendo i mie soldi in altro.
Credo che queste ‘collaborazioni ‘di lusso’ siano solo ed esclusivamente operazioni di marketing (tutto è marketing lo so ma si può avere ugualmente un risvolto diverso) che tagliano di fuori la maggior parte delle clienti abituali di H&M (pochi ogni volta gli stores scelti), costringono le ragazze a turini con indosso braccialetti ‘segnaletici’ e che come già detto sopra favoriscono il mercato di eBay già a poche ore dalla vendita. 
Non proprio democratico…

Leggi anche questi

1 commenti

  1. Condivido. E aggiungo che secondo me tanti fashion blogger contribuiscano a questo business senza guadagnarci manco nulla, a forza di parlarne tutti. Davvero qualcosa di ridicolo...

    RispondiElimina

Iscriviti