DIARIO / SCRIVI COME MANGI

domenica, giugno 10, 2012



Non voglio certo sputare nel piatto dove mangio (o meglio faccio merenda) però girovagando per alcuni blog la domanda sorge spontanea: piuttosto di usare Google Translate per scrivere strafalcioni in inglese non sarebbe meglio ripassare l'italiano? 
Ok, lo so fa decisamente più fashion avere un blog bilingue però ci si imbatte in certe traduzioni che non fanno ben sperare nel nostro sistema scolastico.

Non faccio nomi, ma scrivo dopo avere cercato di decifrare la sezione About di un blog piuttosto seguito, per qualche minuto leggendo qualche riga scritta in italiano (o almeno quello era l'obiettivo) mi ero convinta che la blogger in questione fosse straniera e avesse tradotto da Google la sua presentazione (sgangherata) nella nostra madrelingua. A malincuore mi sono dovuta arrendere all’evidenza. era tutta farina del suo sacco.

Ricordo ancora la prima esercitazione di composizioni testi all'università e l'orgoglio con cui scrissi il primo articolo, bocciato dalla professoressa che mi invitava a volare basso perché citazioni, incipit ad effetto e altri artifici retorici era meglio lasciarli a penne ben più navigate della mia. Regola che cerco sempre di tenere bene in mente perché la semplicità paga a maggior ragione se non si padroneggia (ahimè è il caso di molti) la lingua.

Potrei seguire con le esercitazioni di composizioni testi in inglese e la conferma dell’inefficacia dei traduttori online ad essere anche un minimo d’aiuto ma credo sia ben risaputo.

La morale è sempre la solita meglio essere se stessi, scrivere come si è abituatI a fare senza ricercare paroloni per dare una parvenza di chissà che cosa e soprattutto farlo se una lingua la si conosce. 

Per tutto il resto c’è sempre un buon libro di grammatica.

Leggi anche questi

2 commenti

  1. Sono completamente d'accordo con te.
    Si leggono improbabili traduzioni letterali di un inglese inesistente. Ma il dramma sta proprio nell'italiano e nella costellazione di errori che invocherebbero al ritorno alle elementari.
    Ad ogni modo, trattando questo argomento, il tuo post dovrebbe essere immacolato.. e invece c'è una G di troppo: scovala!
    Ma lo dico con simpatia, eh! Lungi da me fare la sapientina perché sono la regina degli ignoranti! KISS KISS!

    GLORIA
    { Scacco alle Regine }

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi punita!:-) In effetti sai che ho trovato l'errore e anche una parola mancante. Devo imparare a rileggere i post (prima regola di ogni buon blogger)a maggior ragione se parlano di scrittura. Scherzi a parte, hai fatto benissimo a segnalarlo nemmeno io volevo fare la saccente. Il punto non è per me quanto una persona sia più o meno brava a scrivere ma quanto quello che scrive la rispecchi e sia credibile, perché i grossi paroloni vengono sgamati se buttati lì e privi di reale sostanza. Spero di essermi spiegata:-)

      Elimina

Iscriviti