LIBRI / 50 SFUMATURE DI GRIGIO

lunedì, luglio 30, 2012




Sono al mare, la mia vicina avrà circa 35/38 anni, tre figli di cui uno baby, un marito,2 nonne e 1 zia. Si prende una pausa di relax, si allontana da tutti sul lettino e si mette a leggere un libro. Indovinate cosa esce dalla sua borsa?
Ok, magari il titolo di questo post aiuta ma credo avreste in ogni caso indovinato.
50 sfumature di grigio. 



Non voglio scrivere una recensione, non ne sarei in grado e soprattutto il mio ragazzo me lo ha regalato venerdì sera e ho letto giusto 70 pagine. La mia è piuttosto curiosità nel sapere cosa vi è piaciuto di questo libro se lo avete letto o cosa vi ha spinto a comprarlo se dovete ancora iniziarlo

C'è da dire che il mio ragazzo è un po' fuori dal mondo su certe cose, eppure conosceva bene 50 sfumature di grigio perchè a quanto pare in ufficio da lui colleghe di ogni età ne parlano da settimane. Perfino colleghe americane lo hanno fortemente consigliato alle italiane (da loro è scoppiato prima il caso) nemmeno fosse l'elisir di giovinezza eterna.

Così da venerdì ho per le mani questo libro e sembro essere in buona compagnia perchè non c'è blogger non lo abbia postato su Instagram, non c'era donna in spiaggia non lo avesse (o quasi, ne ho scovata più di una) e anche oggi accendendo la radio ne stavano parlavano.

Ho letto 70 pagine e si la curiosità di andare avanti mi è venuta, a me però sembra scritto male, poco verosimile e in certi casi banale. Certe espressioni tipo 'bello mozzafiato' non le usavo a 15 anni e non credo sia un problema di traduzione. Non ho esperienza di romanzi erotici ma credo non ce l'avessero la maggiorparte delle donne che ne sono stata conquistate.

Forse sbaglio anche io perchè questo tipo di libri non lo si legge per la bella scrittura o forse semplicemente andando avanti tutto cambierà e non potrò più farne a meno.

Per ora preferisco le care e vecchie Bronte.

Leggi anche questi

11 commenti

  1. Risposte
    1. Bene non sono sola:-) Ho trovato tra l'altro una recensione veramente esilarante nel web:
      http://www.diariodipensieripersi.com/2012/07/cinquanta-sfumature-di-nero-quando-la.html consiglio di leggerla

      Elimina
  2. Poi facci sapere che ne pensi...io sto avendo solo opinioni scarse, quindi per ora sono su altre letture!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, prima di tutto che piacere rileggerti:-)

      Allora da dove inizio? Il libro l'ho finito e sto per finire anche il secondo. Tu penserai che forse mi sono ricreduta. In realtà no, sono spinta evidentemente solo dalla curiosità di vedere non tanto dove va a parere (quello è fin troppo ovvio) ma come lo andrà fare. Se il primo libro a sforzo poteva avere un senso, il secondo a mio parere sembra più un modo di tirare avanti la carretta per arrivare al terzo e creare una triologia (sarò maliziosa?).

      Da dove parto? Come spiega meglio la recensine che ho linkato nel commento precedente non c'è alcun sfrozo da parte dell'autrice di fare qualche descrizione non solo dei personaggi ma anche dei luoghi/ambienti abitati. Sembra tutto piatto. Tutto sembra girare quasi esclusivamente attraverso il rapporto sessusale/d'amore che tra l'altro anche secondo me non è poi come estremo. Io non sono bacchettona anzi, però dopo un po' ammetto stanca; certe pagine le ho proprie saltate perchè dopo 1,2,3,4 volte e potremmo andare avantia oltranza in cui lo fanno e spesso usando anche le stesse espressioni e frasi (non molto originali) ti stanchi pure.

      Quando leggi un libro di solito sei immersa in quel mondo, pensi che ogni personaggio abbia una storia un vissuto che magari non viene interamente descritto ma hai la sensazione che ci sia e soprattutto che l'autore ce l'abbia in mente. Lui sa chi sono i suoi personaggi fin da quando sono stati messi al mondo e conosce la loro infanzia, adolescenza e che gusto di gelato preferiscono. Qui è il contrario, sembra che l'autrice non li conosca intimamente, e che ciò non le interessi più di tanto l'importante è quello che fanno. Non mi riferisco poi nemmeno all'aspetto sessuale perchè quello passa in secondo piano, io mi ci gioco tutto che in fin dei conti chi ne è rimasto affascinato o chi come me continua a leggerlo per la curiosità non lo fa certo per conoscere nuove posizioni ma per sapere come sarà l'happy end di della storia d'amore. Si, perchè alla fine quello è un romanzo rosa (scritto male, malissimo) infarcito di un po' di erotismo che però sconfina alla fine sempre e nuovamente nel romanticismo.

      Lo sconsiglio. Non saprei ma solo perchè sono curiosa e ho sempre voglia di farmi una mia personale opinione quando si tratta di film o libri di tanto successo. Tanto lo si legge veramente in poco tempo;-)

      Ti riconsiglio sempre come autrice Simonetta Agnello Hornby, ne ho letti altri dopo 'La mennulara' e mi ha conquistata. Ti consiglio anche 'L'incontro' di Michela Murgia, autrice che mi sono ripromessa di scoprire.

      Un bacione

      Elimina
    2. Insomma non lo prenderò.
      Ho letto anche su Fb opinioni uguali alla tua. Però m'incuriosisce, a questo punto, capire cosa attiri 20 mln di lettrici che l'hanno amato!
      Io una mia personale opinione me la son fatta: ammesso che la gran quantità di copie vendute non equivale al numero di donne che legge normalmente (queste ultime sono molte meno dai dati che conosco), il libro deve aver catturato molte donne non-lettrici-abituali, il che potrebbe essere un pregio, ma forse non lo è per chi ama leggere tutto l'anno ed è sempre alla ricerca di qualcosa di qualità; il genere porno-harmony (com'è stato definito) deve aver fatto il resto perchè, come anche tu dici sul sentirsi immersi in un mondo quando leggi, è vero, se consideri che il sesso governa sempre di più il nostro mondo, ecco spiegato in cosa molte/i lettrici/lettori si sono immedesimate/i! :)))
      A questo punto un applauso alla casa editrice che ha fatto un gol esagerato!

      Mi riprometto di acquistare qualcosa delle autrici che mi consigli, allora.
      Della Hornby quale consiglieresti al prossimo mio incontro di Lettrici Anonime?

      Ps. Anche a me fa piacere ritrovare i miei blog preferiti (sono costretta a casa causa malattia e mi sto rimettendo al passo)! Un abbraccio! :)

      Elimina
    3. Hai scritto quello che non ho scritto io per paura di essere indelicata. Avevo scritto anche questo nel mio post, ovvero che avevo la sensazione fosse uno di quei libri che piaceva a chi non era tanto abituato a leggere. Poi però ho pensato che magari sarei potuta anche risultare offensiva. Mi sono fatta prendere un po' troppo dalle premure, tra l'altro non c'è da vergognarsi se ad una persona non piace leggere.
      Tornando a noi è un po' lo stesso discorso mi è capitato di farlo con i libri di Volo (che apprezzo molto come persona) e della Kinsella. Ho provato a leggerne qualche riga e mi sono fermata perchè proprio non mi prendevano.

      La cosa assurda di '50 sfumature di grigio' è che in realtà è stato pubblicato come libro quando già aveva successo. L'autrice infatti ha scritto una sorta di fan fiction (non ho ancora ben capito di cosa si tratti) che girava nel web facendo sempre più 'proseliti' fino a che una casa editrice non ha deciso di pubbblicarlo fiutando si l'affare. Ha comunque giocato un fondamentale ruolo il passaparola e come ho scritto anche in ufficio del mio ragazzo donne di varie nazionalità ne parlavano.
      Io nel web ne ho lette un po' di tutti i colori ma anche accese difese scritte da donne che evidentemente leggono anche altro nella loro vita. Mi rimane il dubbio da una parte e dall'altra resto ferma dell'idea che lo zoccolo duro che ne ha decretato il succeso vada avanti ad Harmony.
      Ciò che importa però è che l'autrice per non sapere scrivere ha fatto la sua fortuna:-)

      Io ti consiglio vivamente 'La zia Marchesa' per il club delle Lettrici Anonime non vedo l'ora in caso di leggere il tuo post.

      p.s. spero tu stia meglio come avrai notato su Twitter non sono attiva (tradotto non so usarlo) e ti avevo perso di vista. Un abbracio:-)

      p.p.s. a settembre dovrei inziare il corso di fotografia

      Elimina
    4. Potrebbe anche essere che le tue premure erano giuste ed io, invece, son stata maleducatina eheh! Cmq certamente i motivi di un simile successo saranno ben più grandi delle nostre valutazioni.
      Allora consiglierò "La zia Marchesa" al prossimo incontro ;)
      Tienimi aggiornata sul corso di fotografia e ancora buone vacanze estive
      :*

      Elimina
  3. no, io ancora non l'ho preso ma ho letto qualche pagina da mia sorella e da un'amica e devi dire che la prima impressione è stata quella di una scrittura banale e anche un po' bruttina. vero che deve essere una lettura leggera, ma per il momento non mi sono lasciata contagiare da questa mania.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non me lo sarei comprata, almeno ora non lo avrei fatto. Ammetto la curiosità di leggere il secondo l'ho avuta. Giusto la curiosità perchè e un climax negativo. Poi ripeto magari non mi sento di sconsigliarlo ma solo perchè con i grandi fenomeni sento sempre la 'necessità' di farmi una mio opinione in merito.

      Elimina
  4. Se ti va, sul mio blog c'è un'ironica recensione "50 sfumature di pura idiozia" :)... E comunque sì, è pessimo!

    http://suffstyle.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengo subito a leggerla:-)

      Nel frattempo ho quasi finito il terzo libro ed è sempre peggio. Il terzo è decisamente noioso, ripetitivo, ovvio e da diabete. Alla fine il primo è l'unico che si salva, se dobbiamo salvare qualcosa per forza, perchè siamo tutte concordi sul giudizio negativo.

      Elimina

Iscriviti