CINEMA / UN POMERIGGIO ALLA MOSTRA

lunedì, settembre 03, 2012


Come reporter (improvvisata) ho ancora molta, molta strada da fare. 

Da dove inizio? La reflex l'ho lasciata a casa, indecisa fino all'ultimo, ho optato per la leggerezza e confidando sulla buona resa della fotocamera del cellulare.  Il film che avevamo deciso di andare a vedere ( È stato il figlio) non lo abbiamo visto perchè siamo arrivati troppo tardi e i biglietti erano già sold out, per cui abbiamo ripiegato su Bad25 di Spike Lee. Il red carpet? Abbiamo ammirato per caso solo la (bellissima) madrina Kasia Smutniak, che in un Valentino Resort fiabesco entrava in Sala Grande. Ciliegina sulla torta pioveva, almeno giusto per il tragitto dal Gran Viale alla zona della Mostra, abbastanza per conviverci ad acquistare un ombrello che sarebbe servito solo per 5 minuti.



Ne valeva la pena? Si, per me ne vale sempre la pena, l'atmosfera che si respira alla Mostra è la stessa che ricordavo: intensa, viva, frenetica e un po' magica (ammetto però che credo dipenda anche dal mio legame con il Lido).
Ho sempre pensato, da appassionata di cinema, che sarebbe entusiasmante vivere tutto il periodo della manifestazione da addetta ai lavori (anche perchè i costi dei biglietti sono spesso proibitivi, per le proiezioni serali si arriva anche ai 20/30 euro per biglietto) una full immersion non solo di cinema ma anche di critica.

Camminanando tra l'hotel Excelsior e il Palazzo del Cinema sono poche le persone che si incontrano senza un pass o un accredito, tra cui una rappresentanza di critici o giornalisti dall'aria un po' snob e da intelettuali trasandati che si nutrono di pane e cinema.
Almeno sabato (giorno della proiezione del favorito The Master) le sale erano tutte piene e poche erano le proiezioni a cui si poteva assistere acquistando, poche ore prima il biglietto (segno tra l'altro che il maltempo non avevo scoraggiato gli appassionati).




BAD25
Il documentario di Spike Lee racconta attraverso le testimonianze dei collaboratori storici di Jackson il processo creativo dell'album Bad, album che seguiva il successo senza precedenti di Thriller.  Un racconto che all'inizio mi ha un po' ricordato gli speciali di Mtv visti ai tempi della morte del re del pop. Ciò che ho molto apprezzato è il taglio più intimista che Lee ha dato; non mancano gli interventi di Mariah Carey o perfino di Justin Bieber,  il racconto è però affidato a chi Jackson lo conosceva, ci lavorava, si confrontava con la sua creatività e la sua fragilità. Credo alla fine sia impossibile non provare una certa tenerezza per l'uomo e rispetto per l'artista. Genio e sregolatezza.



Leggi anche questi

3 commenti

  1. Ecco il post che aspettavo ;)
    Mi è piaciuto molto il tuo reportage e tra i film che avevo sentito sarebbero stati presentati, quello di Spike Lee mi era sfuggito e ora mi ha molto incuriosito...fai bene ad andare se puoi..anch'io se abitassi da quelle parti cercherei di non perdermi neanche un 'edizione! :)
    Mi riprometto sempre di andare alla mostra del cinema ma purtroppo non riesco mai ad organizzarmi.Quest'anno ad es volevo cogliere la scusa di accompagnare mia madre perchè lei è una patita di Robert Redford, lo segue dagli esordi e so che presenta un film di cui è regista...dovrebbe chiamarsi "The company you keep" Solo che non essendo molto esperta di festival mi sono trovata un pò in difficoltà per l'organizzazione...ad es immagino che per le prime non vendano biglietti giusto? ;) Lei sperava di poterlo vedere non so bene neanch'io come....ci sarebbe stata qualche speranza secondo te?
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film di Spike Lee, o meglio il documentario me l'ero persa anche io. Noi siamo andati alla biglietteria e appurato che tutto ciò che ci interessava era sold out abbiamo chiesto cos'era rimasto da vedere. Le alternative erano Spike Lee e un documentario che solo il titolo era tutto un programma:-)
      I biglietti si trovano, solo non a poche ore di distanza a maggior ragione per i film più 'importanti'. Ovviamente se si può è consigliabile acquistarli qualche giorno prima, volendo puoi farlo anche online sul sito della Mostra. Ci sono inoltre degli sconti per chi viene con il treno o ha la tessera frecciargento;-)

      Il prossimo anno devi venire e magari ti sarà d'aiuto la sezione che spero, prima o poi, di ultimare sui consigli su dove dormire e mangiare a Venezia;-)

      Elimina
    2. Magari! Sarebbe proprio utile! :) Io vengo spesso anche per il Carnevale ma non sono mai riuscita a visitare le sue isolette...Venezia è una città ricca di storia e avvenimenti! Se potesse verrei almeno 3 volte l'anno! :)

      Elimina

Iscriviti