DIARIO / LE VITE IMMAGINATE

martedì, ottobre 02, 2012




Certi post nascono anche camminando sotto la pioggia.



da Google
L'altro giorno mentre passeggiavo per il centro, ho incontrato i ragazzi che uscivano da scuola, più contenti che mai perchè era un sabato. Divisi nei loro gruppetti, non era difficile riconoscere la scuola da dove provenivano (nella stessa via c'è il liceo artistico e, poco più in là, il liceo classico, quello anche da me frequentato).



Mi è tornato così in mente un esercizio fatto ai tempi del corso si scrittura creativa che frequentavo al liceo. Partendo da una pubblicità di giornale, capitata a sorteggio, dovevamo scrivere la storia dei protagonisti della stessa. A me toccava la promozione di un dopobarba della Nivea, un bell'uomo sui 35 anni, abbracciato ai figli, tutti e tre sorridenti sullo sfondo, se non ricordo male, una spiaggia.

Ricordo della stessa lezione il racconto della professoressa d'italiano (non la mia) in cui mi identificai subito. Descrisse (in un modo appassionato che avevo sempre apprezzato) di come negli anni dell'università, quando si trovava in treno per raggiungere Padova, trascoresse il viaggio non a ripetere o studiare come facevano i più, ma ad osservare gli altri passeggeri e a scrivere dei racconti su di loro.

via Ella Ruthc.blogspot

Io non scrivo racconti, mi fermo spesso però a pensare che vita ha la persona sul cui io mio sguardo si è posato. La sua casa come sarà, dove sta andando in questo momento.

Pensieri che mi capitano spesso anche quando vedo gli aerei volare, penso ovviamente per prima cosa la destinazione che raggiungerà il volo e poi alle persoone che vi sono sopra, se magari stanno facendo il viaggio della loro vita, se raggiungono parenti o si trovano tra le nuvole solo per lavoro.

Le persone mi incuriosicono sempre, e a voi?

Leggi anche questi

4 commenti

  1. anche a me incuriosiscono tanto le persone. Sono molto timida e non parlo molto di mia iniziativa, però anche io mi soffermo a pensare alla vita delle persone, inventandomela: l'anello luccicante che sembra nuovo, il taglio di capelli fresco.. :-)

    RispondiElimina
  2. anche a me tantissimo, anch'io tendo ad osservare parecchio chi mi circonda e spesso vorrei immortalare in una foto ma non ho ancora purtroppo quella sfrontatezza nel chiedere uno scatto. Mi capita spesso di fermarmi in un luogo più o meno frequentato ed osservare immaginando le vite dei passanti, è uno dei passatempi preferiti miei e del mio ragazzo :)!

    RispondiElimina
  3. anche a me molto.

    bellissimo post.

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Anche a me. Ne ho fatto il mio lavoro in fondo. Bukowski diceva che "la gente è il più grande spettacolo del mondo, e non si paga il biglietto".
    Volevo dirti una cosa, Lucy: continua a scrivere ancora tanto perchè lo fai davvero bene. Ti leggo sempre con grandissimo piacere. :)

    RispondiElimina

Iscriviti