DIARIO / CHI SI ACCONTENTA SBAGLIA

giovedì, febbraio 28, 2013




Uno dei consigli migliori che ho ricevuto nell'età della mia educazione sentimentale, si potrebbe sintetizzare con il titolo di questo post.

Giovani, carini e disoccupati (1994) - Winona Rider divisa tra le certezze del solido Ben Stiller, premuroso pretendente e l'amore per il problematico e tormentato Ethan Hawke,


Mai accontentarsi di un ti voglio bene che non sarà mai un ti amo, di un ti amo che è in realtà ormai un ti voglio bene, di una storiella che non sarà mai una storia, di una storia che ormai è solo una routine.

Mai accontentarsi di una persona che non è quella giusta ma pensiamo sia meglio di niente. Mai accontentarsi di una persona che fa promesse in cui non crede. Mai accontentarsi di un amore vissuto al 50%.

Mai accontentarsi di quello è meglio ma non vogliamo.

Mai accontentarsi.

Leggi anche questi

10 commenti

  1. Sebbene non sempre sia facile farlo... Concordo in pieno con te! Accontentarsi è limitativo, è un po' come vivere a metà... Un bacio

    RispondiElimina
  2. Questo tuo post mi fa tornare in mente una frase che ho sentito in un film che ho visto una settimana fa e che diceva così: " Perchè tutti noi scegliamo sempre persone che ci trattano come nullità? Perchè accettiamo l'amore che crediamo di meritare.." Il che secondo me è verissimo soprattuto per quelle persone che nutrono poca stima in se stesse...il film era "Noi siamo infinito"

    RispondiElimina
  3. concorso sebbene spesso nn sia facile...baci

    RispondiElimina
  4. Condivido in pieno ma spesso la paura di rimanere soli ha la meglio...

    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma.. in cosa consiste esattamente questa "paura di rimanere soli"? scusate, io me lo sono sempre chiesta perchè trovo indiscutibilmente molto più terrorizzante spegnersi in una relazione fondata sul compromesso con se stessi accettato per una vaga e generica "paura di restare soli".
      sono sempre stata convinta che stare con una persona accontentandosi significhi perdersi la possibilità di conoscere la persona più importante: noi stessi! perchè da soli si possono esplorare tante cose di noi, del nostro modo di essere, si possono affrontare e superare i proprio limiti con le proprie forze da una prospettiva tutta propria.
      sia chiaro, l'amore dà un senso diverso e sublime alla vita!
      però l'amore. quello vero.
      Eli

      Elimina
    2. Io sono d'accordo con te, però ammetto di non esserci mai passata. A menta fredda mentre vivo una relazione che sento viva come il primo giorno ti direi che mai starei con una persoona solo per routine o ancora peggio per paura di restare sola. MI rendo però conto che ho 'solo' 26 anni, come sarebbe tra qualche anno trovarsi sola magari quando tutte le tue amiche hanno una vita di coppia? Non so che risposta dare. Darei a tutti il consiglio del post, che poi in una situazione un po' diversa hanno dato a me (riassumendo il mio rischiava di essere un chiodo scacca chioso al tempo) però rendendomi conto che può essere difficile...Accontentarsi credo infine è come mentire a se stessi, però chi non lo hai mai fatto almeno una volta?

      Elimina
  5. E' vero, è vero in molte cose, anche nel lavoro, anche con se stessi...

    RispondiElimina
  6. sono sempre vere e dolcissime le cose che scrivi!!

    www.mytouchofclass.net

    RispondiElimina
  7. sono totalmente d'accordo con quello che hai scritto, hai perfettamente ragione, mai accontentarsi :)

    RispondiElimina

Iscriviti