DIARIO / COME UN RITORNELLO CHE TI RESTA IN TESTA

mercoledì, febbraio 05, 2014


Perché tutti, una volta nella vita, abbiamo diritto di credere che le canzoni dell'estate siano state scritte apposta per noi.
(Fai bei sogni - Massimo Gramellini)

Canzoni di cui tra un mese mi sarò già dimenticata (o forse no), ma che ora non smetto di sentire. Colonna sonora di queste settimane, canzoni che non sono capolavori, che non resteranno nella storia, che qualcuno potrebbe giudicare di dubbio gusto e livello artistico, ma che mi accompagnano. Si perchè ci sono periodi in cui quando cammino per strada sola non riesco a stare senza musica. Penso, rimugino, fantastico, immagino e lo devo fare con una canzone. 
Perchè se è più facile farsi coinvolgere da una bella colonna sonora in un film, figuriamoci nella vita vera. 


Canzoni ascoltate per caso in un preciso momento, ed entrate in loop. Non necessariamente canzoni dei miei gruppi preferiti, anzi nella maggiorparte dei casi cantanti che non solo solita ascoltare.

Perchè sono fatta così mi fisso: per oggetti, feticci, canzoni (e non solo);  e poi? Poi ahimè spesso mi stanco. Perchè io si, mi stanco facilmente. 

Così adesso suonano, e tempo un mese le dimenticherò, tra qualche anno risentendole mi ricorderò di loro e di qualche bel momento. Anche se ormai da tempo non creo più delle improbabili cartelle sul pc dal nome luglio 2007, nel mio iPod questo gennaio 2014 passerà comunque alla storia con una lista ben precisa di canzoni che tengo ben stretta e segreta.

Senza troppo fretta ora attendo la playlist del mio febbraio. 








Leggi anche questi

0 commenti

Iscriviti