CINEMA / GRAND BUDAPEST HOTEL

lunedì, maggio 05, 2014


Se siete ancora tra le poche persone che non sono ancora andate al cinema a vedere questo autentico gioiellino, vi dico solo di correre stasera prima lo tolgano dalle sale. 

Grand Budapest Hotel è una divertente quanto delicata commedia (con tratti da giallo) che ci trasporta per un'ora e mezza (durata azzeccata) in un luogo fantasioso e immaginario, a tratti verosimile (e attuale nelle sue critiche) altre meno, magico coinvolgente e decisamente pittoresco (del resto chi conosce Anderson non può non aspettarselo).  
Una narrazione dentro la narrazione (due i gradi di racconto) che è calzante e ritmata; le scene la fotografia e la regia impeccabili e a tratti poetiche. Non mancano citazioni e omaggi a classici del passato, che come sempre è divertente cogliere.

La storia e le avventure del coincierge del Grand Pudapest Hotel Mr. Gustave e del garzoncello Zero sono un viaggio nel passato (quello degli anni '30 in una mitteleuropa che si prepara alla guerra) ottimo spunto per una riflessione anche sul nostro presente. 


Leggi anche questi

0 commenti

Iscriviti