CINEMA / TUTTO PUò CAMBIARE - secondo lucy

CINEMA / TUTTO PUò CAMBIARE

venerdì, ottobre 24, 2014


Begin Again.
A proposito di inizi (e di titoli che in italiano vengono sempre mal tradotti) io avrei iniziato diversamente il modo di raccontare la storia di Greta e Dave: flashback e punti di vista non aiutano, e il film stenta a decollare o meglio a coinvolgere, con un po' di lentezza e retorica.

La seconda parte però c'è ed è tutta un'altra storia, e grazie anche alla colonna sonora, la voce delicata di Keira Knightley e lo zampino di New York conquista.



Tutto può cambiare non è un film che passerà alla storia, ma un film per piacere non deve per forza essere da Oscar. In certi punti ricorda storie già viste però è un film piacevole, che strappa un sorriso e qualche suggestione (merito anche delle canzoni).  

New York fa da teatro alla registrazione indipendentemente dell'album d'esordio di Greta (scommessa del disoccupato e incasinato discrografico Dave), e come in altri film diventa una protagonista importante. L'idea è semplice, ma il buon cast (anche Adam Levine stupisce) e la leggerezza dei dialoghi regalano un'ora e mezza di spensieratezza. Il finale l'ho trovato perfetto, di quelli che piace a me, e mi ha fatto venir voglia di rivederlo un domani, in una di quelle serate che di solito dedico ad una puntata di Sex and the City.



Note a margine, un plauso alla costumista perchè lo stile di Keira nel film è perfetto e da prendere come ispirazione, forse perchè in fin dei conti non molto diverso da quello di Keira nella vita reale.


Leggi anche questi

0 commenti

Iscriviti