DIARIO / LA VERITà è CHE NON ESISTONO LE PAUSE DI RIFLESSIONE

mercoledì, maggio 06, 2015


25 giorni senza scrivere. Quasi un mese. Una pausa di riflessione, si dice così no?

Ogni rapporto che prevede due parti in fin dei conti è una relazione, e anche quello con la scrittura lo è. Ho pensato che l'ultimo post scritto era la giusta conclusione per tutto.


Ho pensato che non avrei più scritto perchè quando i giorni passano, e ti riprometti di fare qualcosa ti rendi conto che quel giorno o lo fai arrivare in tempi brevi o non arriva più. Lo faccio dopo, lo faccio domani, lo faccio dopodomani e quando ne passa troppo di tempo non è più semplice riprendere il filo dei discorso. Perchè la verità è che non esistono le pause di riflessioni, una pausa implica che puoi riprendere qualcosa in qualsiasi momenti da dove lo hai lasciato. Ma c'è quella cosa con cui tutti combattiamo che si chiama tempo, e lui pensa ad agire quando tu non ci sei. Fa in modo che quello che tu lasci fermo lì, nel frattempo cambia e ti impedisce di ricominciare semplicemente premendo play.



Non esistono le pause di riflessioni, esistono fini che non sono definitive e possono presuppore nuovi inizi.

Ho scritto la parola fine 25 giorni fa, e oggi scrivo un nuovo inizio. Nel frattempo ho compiuto 29 anni, e sono stata felice, parecchio felice. Per dirla tutto lo sono ancora, felice al punto di essere consapevole che poche cose riescono in questo momento a togliermi il sorriso.

Il modo migliore per iniziare qualcosa di nuovo. 

Leggi anche questi

0 commenti

Iscriviti