FOODIE GUIDE / NEW YORK

martedì, ottobre 27, 2015


Quali sono i  migliori locali dove mangiare a New York: dal brunch all'avocado Toast all'aperitivo sul rooftop. 

L'incentivo per farvi leggere la mia guida foodie ha un nome e cognome: Leonardo Di Caprio. Perchè chi mi segue su Instagram sa che io e Bri abbiamo vissuto quel tipo di esperienza che probabilmente si racconta ai figli.

Anche in fatto di cucina e ristoranti ho le idee chiare. Non a caso chi mi conosce e mi deve parlare di un nuovo locale lo introduce sempre dicendo questo è il tipo di posto che piace a te. Non parto mai senza una piccola lista di locali scovati su blog, guide o app e suggeriti dagli amici. Non si tratta solo di organizzazione per cui ormai si sa sono famosa, mi piace farlo e mi diverto.

Come mi piace scovare anche i posti mentre cammino per la strada, cosa che è successa anche a New York. Qui trovate una selezione del locali provati e che vi suggerisco divisi anche per momento della giornata. Perchè per me un locale può essere perfetto a pranzo e un disastro a cena. 
 Ci sono state alcune stroncaturema vi voglio bene e non le menziono.

A COLAZIONE

EGG
109 N 3rd St, Brooklyn, NY 11249, Stati Uniti
quartiere: Williamsburg
cucina: bistrot, colazione, uova

I migliori pancake mai provati. Con questo potrei già fornirvi un buon motivo per arrivare fino a Williamsburg e provarli, perchè vi assicuro che dopo aver gustato i pancake di Egg mi è sembrato di non aver mai mangiato prima qualcosa di paragonabile. Vale comunque la pena andare da Egg a pranzo o a colazione per provare uno dei tanti modi in cui cucinano le uova. Le sanno fare talmente bene da averci anche scritto un libro. E mentre fate colazione potete decorare la vostra tovaglietta con i colori a cera.



EGG SHOP
109 N 3rd St, Brooklyn, NY 11249, Stati Uniti
quartiere: Soho
cucina: bistrot, colazione, healthy

Egg Shop l'ho scoperto per caso mentre cenavo da The Butcher's Daughter, si perchè si trova proprio dall'altra parte della strada. Il locale è piccolo, una sola stanza con cucina a vista e negli orari di punta potrebbe essere difficile trovare un posto. Merita per una colazione stile newyorkese con avocado toast. Alto tasso di instagrammabilità, incentivato da una lavagna dove suggeriscono gli hashtag da usare.

Come nel caso di Egg Restaurant, non sarà una colazione super economica (circa 30/34 dollari in due) ma dovete considerarlo come un pasto.


BLUE BOTTLE COFFEE
160 Berry St, Brooklyn, NY 11249
quartiere: Williamsburg ( e in altrizone di Manhattan)
cucina: caffetteria

Una catena che si trova in vari punti di New York. Il concept è alla Starbucks, ma come nel caso di Shake Shake per gli hamburger si propongono di alzare il livello della qualità. Offrono infatti una selezione particolare di caffè e miscele e organizzano anche delle degustazioni. Ambiente spazioso e colazione più all'italiana. Se dovete trovare un posto dove fare colazione è una buona soluzione e anche i dolcetti sono ottimi. 


113 W 116th St, New York, NY 10026
quartiere: Harlem
cucina: brunch

La domenica cosa fanno i turisti a New York? Vanno ad Harlem ad assistere ad una messa Gospel e a seguire fanno il brunch. Come ho già scritto qui mi sono ricreduta sulla messa Gospel che consiglio come esperienza, il brunch ammetto non lo annovero tra i migliori della mia vita ma la risposta è presto spiegata: alto tasso di fritto. Una delle specialità di Amy era il pollo fritto servito su wafel. Oltre il #pornofood

Vale anche in questo caso la pena provare, porzioni abbondanti e prezzi contenuti. Amy è uno dei più famosi ad Harlem, nonostante sia su due piani è necessario fare la coda per entrare perchè pare che tutti vogliano venire qui.






A PRANZO

LUKE'S LOBSTER
26 S William St, New York, NY 10004quartiere: Lower Manhattan (e altre zone)
cucina: Lobster Roll

Panino con l'aragosta. Prima di venire a New York non sapevo nemmeno esistesse questa specialità o che la pregiata aragosta potesse essere servita in un roll. Eppure non puoi tornare a casa senza provare un Lobster Roll. Uno dei migliori dicono essere proprio quello di Luke's e vedendo il prezzo di 16 dollari vi augurerete che sia ottimo. In effetti è un gusto nuovo anche se non mi ha conquistata appieno, ma sono contenta di averlo provato.

L'arredamento di tutti i Luke's è in stile marinaro, e con non pochi riferimenti al Maine (motivo per cui non riuscivo a non pensare all'amica Jessica).


CHOP'T CREATIVE SALAD COMPANY
24 E 17th St, New York, NY 10003
quartiere: In tutta la città
cucina: insalata / pausa pranzo

Insieme a Pret a Manger, un altro di quei locali che mi piacerebbe avere vicino all'ufficio. Avevo già provato qualcosa di simile l'anno scorso a Londra nella City, e il concept è semplice quantomai azzeccato. Un fast food dove comporre la propria insalata. Non solo si possono scegliere ingredienti con un'offerta talmente varia da causare non poca indecisione; ma una volta scelto anche il dressing la vostra insalata prende forma e viene tagliata al momento  (vi chiedono anche il livello di tritamento che preferite) e condita così bene da risultare gustosa e saporita. 
Un salva pranzo lowcost.


ABSOLUTE BAGELS
2788 Broadway, New York, NY 10025
quartiere: Upper West Side
cucina: Bagels / pausa pranzo

Qui dovete assolutamente venire. Una factory del bagel per un pranzo low cost e super calorico ma indimenticabile. Absolute Bagles è un vecchio negozio che a noi sembrerebbe più una panetteria con pochi e spartani tavoli. Nell'ora di punta si crea una fila che dal negozio occupa tutto il marciapiede davanti. Il motivo? Per 4/5 dollari si può acquistare un bagel (ne fanno di vari tipi dal classico, a quello con i semi di papavero o cipolla) e scegliere la creamcheese con cui farcirlo. Infinite variazioni di creamcheese tra cui quella salmone, o alle erbe e perfino quelle dolci come la variante con le fragole (altamente consigliata). 

Noi abbiamo pranzato seduti con un bagel a testa, e preso un terzo take away con le fragole che ci siamo gustati su una panchina a Central Park.



THE BUTCHER'S DAUGHTER
19 Kenmare Street, New York City, NY 10012
quartiere: Soho
cucina: vegetariana, bio

Me lo ero segnato da tempo questo locale: il primo motivo è presto detto, io e Lui non mangiamo carne quindi i ristoranti vegeteriani attirano sempre la nostra attenzione. Come se non bastasse nei giorni prima del nostro arrivo a New York anche su Instagram sembrava il posto preferito dalle modelle durante la settimana della moda. Perchè si è il classico esempio di locale con alto tasso di instagrammabiità.

Lo inserisco tra i posti dove andare a pranzo (o fare il brunch) perchè io tra una cosa e l'altra sono riuscita ad andarci a cena e non mi ha convinto pienamente. 

Il primo punto a sfavore è stato il tavolo, fuori sul marciapiede (se potete fatevi mettere dentro) e vicino ai sacchi della spazzatura (che ovviamente non emanavano un buon odore). Eravamo in sei perchè casualmente amici che vivono all'estero erano a New York, e si sono tutti alzati (eccezione per me e l'altra ragazza del gruppo) con ancora fame. Io ho mangiato una buonissima Tartarre di Avocado, però è il classico posto che va bene per un pranzo.  A cena dopo una giornata di visita ci si vuole rilassare e anche il menu ridotto con poche scelte è meno invitante. Locale dentro molto carino, probabimente avrei scritto tuttaltro se ci fossi andata per il brunch. 

Nota di merito: lo staff capendo che non eravamo pienamente soddisfatti ha offerto a tutti uno shottino.




JACK'S WIFE FREDA
224 Lafayette Street, New York City, NY 10012 
quartiere: Soho/Nolita
cucina: brunch / americana

Nel complesso non mi è dispiaciuto e ci sono stata a cena, ma il motivo per cui lo suggerisco per il pranzo è più per il caos e la ressa. Super inflazionato non si riesce a parlare con chi ti sta davanti e c'è una fila costante fuori per cui se possono cercano in tutti i modi, anche se gentili, di farti capire che se hai finito puoi lasciare il tavolo. 

Il tonno era buono, non memorabile. Visto il prezzo anche in questo caso lo consiglio più per il pranzo o il brunch, anche perchè è in un'ottima posizione al centro di Nolita. In due è stato difficile anche confrontarsi su cosa ordinare perchè non riuscivamo a sentirci (a New York ci è capitato in più di un posto).
Se capitate di giorno potete anche prendere un succio bio to go da loro preparato e ...ben impachettato. Perchè ammetto che quel che ci attira più di questi posti, sono più i dettagli come le bustine da zucchero con simpatiche scritte che il menu proposto.

M è rimasta la voglia di provarlo per il brunch, se potete fatelo.



SHAKE SHAKE
Ovunque
cucina: hamburger

Lo so, state già pensando che non serve citi io una delle ormai più celebri catene di hamburger. Lo faccio perchè non mangio carne, e quando si tratta di nuovo fastfood che si propone di alzare il prezzo del classico bigmac, offrendo standard qualitativi per la carne più alti non faccio testo.

Lui ha provato l'hamburger veggie di Shake Shake per caso e poche alternative la prima volta a Washington mentre attendevamo il nostro bus e io mi ero affidata a Chop't. Ha detto 'non è niente male'. Così poi un altro girono l'ho provato anche io. Dunque se siete in giro avete fame e non mangiate carne non escludete a priori Shake Shake. 

HUDSON EATS
Brookfield Place, 200 Vesey St, New York, NY 10080quartiere: Financial District
cucina: Food court

Se siete a Lower Manhattan a due passi dal 9/11 Memorial trovate questo centro commerciale vista Hudson con una food court molto varia. Merita per la vista e perchè si trova un po' di tutto, ognuno può scegliere dove acquistare il cibo per poi mangiarlo allo stesso tavolo (sushi, tacos, bagels, pizza.. c'è di tutto).

A CENA

TACOMBI - CAFE EL PRESIDENTE
30 West 24th Street, New York, NY 10010
quartiere: Flatiron
cucina: tacos / messicana

Tacos e cocktails si può e si deve. Di Tacombi in giro per la città ce ne sono ormai diversi, Cafe el Presidente è uno dei più spaziosi ed è a due passi dal Flatiron District. Una stanza enorme e molto caotica dall' arredamento vintage anni '70.  Lunghi tavoli, e due banconi una per la zona cocktails e un altro vista cucina.

Difficilmente troverete subito posto,  Stay in the line è la regola anche qui, o in alternativa cena al bancone. Noi abbiamo optato per questa soluzione con vista sulla cucina e ad un certo punti ci siamo ipnotizzati a vedere tagliare avocadi come se non ci fosse un domani. Qualità del cibo? Ottimi tacos con una vasta scelta (quelli con i gamberi da 10 e lode) e la Guacamole migliore mai provata (e magari vi sorprendo ma ne mangiamo molta di Guacamole). 



THE SPOTTED PIG
314 W 11th St, New York, NY 10014
quartiere: Greenwich Village – West Village
cucina: hamburger gourmand / americana / italiana
Una delle migliori cena di tutto il viaggio. Stella Michelin con i prezzi di un bistrot gourmand. Questo locale che forse in molti vi consiglieranno (a me è stato suggerito da bene tre persone diverse) si trova nel Village. Non accetta prenotazioni e in media si aspetta un'ora. Dovete per forza presentarvi di persona lasciare il nome e attendere, o come abbiamo fatto noi fare un giro nel quartiere perchè siete nel Village e stare fermi ad aspettare il tavolo sarebbe un piccolo sacrilegio.

Il menu ha molti richiami italiani, anche se il pezzo forte è l'hamburger servito con le patatine fritte tagliate finissime. Serve dire che per ovvi motivi non abbiamo ordinato l'hamburger? Abbiamo perso gustato dei buonissimi gnudi, un polipo alla griglia speziato da ricordare e anche i dolci sono stati tra i più buoni assaporati a New York. Ciliegina sulla torta nonostante i tavoli fossero vicini, al contrario di molti altri locali provati siami riusciti a conversare tranquillamente e goderci la serata. Insomma dovete andare o a pranzo o a cena da The Spotted Pig. 


QUEEN OF SHEBA
650 10th Ave, New York, NY 10036
quartiere: Hell's Kitchen
cucina: etiope

Questo locale lo abbiamo trovato un po' per caso all'ultimo e si è rilevato un ottimo spot. Cucina etiope, perchè a New York non c'è paese che non sia rappresentato gastronomicamente. Bandite le forchette si mangia con le mani, o meglio con un pane tipo pita. Ci son molti piatti ma quasi tutti, come noi del resto, sceglievano un piatto misto da mettere in mezzo al tavolo per provare più pietanze (nel nostro caso verdure varie cucinate con spezie e salse). Qualcosa di diverso che se siete in zona Hell's Kitchen.provare.


TOMOE SUSHI
172 Thompson St, New York, NY 10012, Stati Uniti
quartiere: Soho
cucina: Sushi

Io: Bri ma non ti avevano suggerito un buon Sushi a New York, frequentato dai newyorkesi e non troppo caro?
Lei: Si hai ragione, spetta che guarda. Eccolo. Andiamo.
Io (una volta arrivati): Ma dove ci hai portato non darei due soldi a sto posto


Una volta dentro, ottenuto il tavolo perchè in realtà il posto era migliore di come sembrava e c'era la fila.

Io: ma che buon sushi
Lei: buono sul serio
Io: facciamoci fare una foto dai vicini per immortalare noi 4 che ci incontriamo a New York.
Sempre Io (dopo aver cercato nei visi di chi ci stava vicino il forografo più disponibile): Ragazzi non potete capire chi è quello accanto a Riccardo. Leonardo Di Caprio!!!!
Io e Bri insieme: risate isteriche. risate isteriche, risate isteriche.

La serata è andata più o meno così. La ricorderemo tutta la vita. Leonardo è veramente bello. No, non è il tipo a cui chiedere una foto. Si il sushi merita a prescindere.



BAKERY E COKTAILS

MAGNOLIA BAKERY
401 Bleecker Street, W 11th & Bleeker Street, New York City, NY 10014-2452
quartiere: West Village
cucina: pasticceria

 I cucpacakes li mangio ma in generale non rientrano tra i dolci che preferisco. Non amo i gusti troppo zuccherosi e burrosi, quindi la crema al burro con cui vengono farciti non fa per me. I cupckaes di Magnolia sono buoni e vanno provati, se siete amanti comprati anche a più riprese. Ci siamo stati due volte e assaggiato anche il famoso red velvet, buoni ma continuo a preferire altro. Troverete una Magnolia Bakery a due passi dal rockfeller Center, ma vi consiglio di cercare quella nel Village che oltre ad essere la prima è più caratterstica e anche meno caotica.

145 E. 39th Street, New York City, NY 10016
quartiere: Midtown
cucina: aperitivo con vista su New York

Scovato su Instagram si è rivelato una chicca. Il rooftop di un Hotel addobbato con lucine e chioschi colorati che dalle 18.00 si riempe di giovani lavoratori newyorkes. Margarita e Guacamole con vista sui grattacieli. Non è stato facile capire l'entrata (non è quella dell'hotel ma la porta prima). Chiedete del rooftop e vi faranno un timbro sulla mano, l'unico modo per salire. Cocktail dai 12 dollari (prezzo standard). Super consigliato.


ELENI'S COOKIES
Chelsea Market - 75 Ninth Ave, New York, NY 10011
quartiere: Meatpacking
cucina: biscotti

 Biscotti buonissimi (mi hanno ricordato il sapore del San Martino veneziano che hanno un sapore diverso dalla solita pasta frolla) e anche molto cari. Decorati a mano con le icone di New York si fanno pagare eccome però. Siamo turisti e ci è concesso tutto, se poi mi fornite un pretesto per una foto su Instagram il gioco è fatto.

Lo trovate dentro Chelsea Market. 






SPRINKLES -  CUPCAKE ATM
780 lexington avenue, new york 10065
quartiere: Upper East Side
cucina: cupcake

Un ATM di Cupacakes avete letto bene. Metto le mani avanti: la mia foto non aiuta a capire di cosa si tratta anzi. Ahimè mentre da brava blogger mi facevo riprendere  intenta ad utilizzare il bancomat dei cupcakes, la memoria del mio iPhone ha urlato vendetta e si è bloccato tutto. Dunque non solo non ho potuto condividere il video ma nemmeno fare la foto perchè avevo la fila dietro di gente che aspettava io finisssi. Premessa doverosa a parte, a qualsiasi ora del giorno e della notte se avete un impellente necessità di confortare lo spirito potete fare affidamento su questo Atm. Selezionate uno dei cupcakes disponibili e in pochi secondi uscirà il vostro dolcetto confezionato. Buono era buono, anche se vale la regola di Magnolia: non vado pazzo per questi dolci. Inoltre costa più di Magnolia,  la tecnologia ha un prezzo.
In vacanza però ci si concede anche qualche frivolezza come questa. Lo trovate di fronte a Bloomingdale's.



MABLE'S SPOKEHOUSE
44 Berry Street *Entrance on, N 11th St, Brooklyn, NY 11211
quartiere: Williamsburg
cucina: grill

La Key Lime Pie non è tipicamente newyorkese essendo nata a Key West, ma era più facile trovarne una buona versione a New York piuttosto che in Italia. La più buona sembrava essere quella di Steve's Authentic Key Lime Pies però è decisamente fuori mano anche per chi è a Brooklyn. Così ho trovato segnalato Mable's e siamo andati non per gustarci un po' di carne al grill, ma solo per ordinare una fetta di Key Lime Pie. Approvata e super consigliata.



MAST BROTHERS
111 N 3rd St, Brooklyn, NY 11211
quartiere: Williamsburg
cucina: cioccolateria

Una cioccolateria fondata da due fratelli hipster nella zona più hipster di New York: Williamsburg (a due passi da casa mia dunque). Scoperta grazie al video di Clio Makeup si è rivelata un ottima dritta. Cioccolato davvero buono (Sea Salt Chocolate memorabile) e anche bello grazie al packaging ricercato. Organizzano anche dei tour per vedere come si lavora il cioccolato. Se siete in zona merita.
La cioccolata vsi trova in vendita anche in alcuni locali o negozim, tra cui i Blue Bottle Coffee e lo shop della Public Library.

Leggi anche questi

0 commenti

Iscriviti