LIFESTYLE / MIX AND MATCH: IL SOGGIORNO CHE AMO

giovedì, novembre 19, 2015

credit INT2architecture / homify.it
Non si finisce mai di arredare a casa.
Me lo hanno detto un po' tutti quando ho messo su casa, ed ero in preda alla più classica delle sindromi da Arredo casa disperatamente. Quella che all'inizio mi era sembrata una minaccia, ho riscoperto in seguito essere un piacevole verità.

Un cuscino, una candela o un uovo quadro: c'è sempre un motivo per aggiungere qualcosa al mio soggiorno. Il Mix and Match, lo stile che da subito ho istintivamente scelto, si presta più di ogni altro a questo continuo work in progress (e shopping ovviamente).

credit to Thaisa Camargo Arquitetura e Interiores
Chi mi segue su Instagram ormai lo sa, la mia casa e soprattutto il mio soggiorno raccontano i nostri viaggi e le nostre passioni. Fin da subito ho sempre seguito l'idea di arredare casa con uno stile classico e moderno perchè le contaminazioni tra più stili mi sono sempre piaciute.

Funziona un po' come per la moda: difficilmente l'outift più riuscito è realmente frutto di una scelta dell'ultimo. Anche il look più casuale viene spesso etichettato come finto trasandato, perchè studiato. Nell'arredamento sono convinta non si sfugge alla stessa logica. Quando si tratta di mixare colori, tessuti, pezzi di design a oggetti comprati in viaggio l'equilibrio e l'attenzione ai dettagli sono le prime regole da seguire. Il mix match va dosato, perchè il rischio di finire in una puntata di un nuovo programma dal titolo Ma come arredi? è dietro l'angolo.

Cosa non deve mancare nel mio soggiorno Mix and Match preferito?

L'OGGETTO DI DESIGN
La Rocking chair di Eames o la lampada ad Arco di Castiglione. I classici del design sono diventati talmente di moda, da essere anche accessibili. Molte infatti le proposte ispirate a prezzi low cost. Si può quindi decidere di comprare più pezzi, o di investire il budget nell'originale. In ogni caso fanno la differenza.

CUSCINI
Tanti e colorati, con frasi o disegni. Da cambiare anche più volte durante l'anno a seconda delle stagioni e dei colori. Comprato il cuscino, basta cambiare la fodera e anche in questo nel web si trovano vere e proprie chicche. Nel caso invece ci si innamori di una stoffa si può creare una fodera unica e su misura per il nostro soggiorno.

TAPPETI
Io ho optato per un tappetto dallo stile nordico, bianco e nero davanti al divano. Subentrato al più classico tappetto siriano che avevo posizionato inizialmente sotto il tavolo in legno grezzo. Un pezzo d'arredo che a seconda della posizione può cambiare l'aspetto del soggiorno (nel mio caso è stato così). Una mossa da tenere presente quando avete voglia di rinnovare ma non potete stravolgere tutto...e a me succede spesso!

QUADRI
Foto di viaggi, stampe o scritte. L'importante è averne più di uno. Dimenticate i tempi di un solo quadro per tutta la parete, più sono e meglio è. L'importante è il passepartout: ovvero lasciare sempre tra cornice e foto un po' di centimetri (la maggiorparte dei quadretti vengono già venduti così). Una scelta low cost ma d'effetto.

I colori su cui puntare, oltre al candido bianco? Giallo, azzurro, verde e un tocco di fuchsia e viola per piante e orchidee.

Una tazza di te, una candela accesa, plaid e film e non vorrete più probabilmente alzarvi dal divano.
 
progetto di Clorofilla / homify.it
credit to MAT architettura e design / homify.it
credit to LAVRADIO DESIGN / homify.it

Leggi anche questi

0 commenti

Iscriviti