DIARIO / AVERE (QUASI) 30 ANNI

lunedì, marzo 21, 2016

via Tumblr

Numeri.
Sempre e solo questione di numeri, e per una che a malapena azzecca un 2+2 non è la migliore delle constatazioni. Perchè io con i numeri non sono brava, basta dirmi due cifre e già mi avete rimbambito e otterrete la mia più classica delle risposte mi sono persa. Con me funzionano le parole, la prosa, i concetti e i gesti.
Come la mettiamo con questi 30 anni? Questione di giorni ormai e la mia bio dovrà necessariamente cambiare, le domande sul quando ti sposi e metti su famiglia moltiplicheranno e entrerò di diritto in un club in cui non mi sento di appartenere. 



Eppure guardavo Bim Bum Bam, ho avuto il primo cellulare in quarta ginnasio, e il primo aggeggio high tech era un Mio Caro Diario rosa fuxia. Compravo La Smemo ancora in vacanza a fine agosto, perchè altrimenti correvo il rischio di non trovarla più tornata a Venezia. Smemo su cui puntualmente scrivevo tutto tranne che i compiti. Avevo i poster di Leonardo di Caprio che tappezzavano la mia cameretta e aspettavo con ansia un nuovo episodio di Dawson's Creek e Friends. Registravo le canzoni dalla radio, e la svolta alle medie erano i cd singoli. Ho vuto più di un Walkman, battendo il record rompendone uno da Natale a Santo Stefano. Al compleanno regalavo e ricevevo diari con il lucchetto, di cui come prima cosa perdevo le mini chiavi. Sono figlia degli anni novanta ma i numeri rimangono un caso per me.

Perchè quello che ho vissuto è stato bellissimo e sicuramente condiviso con la maggiorparte di voi che avete la mia età. Quello che però ho vissuto non mi fa sentire uguale a nessuno,  non mi convince a compilare bilanci e bucketlist della categoria avere trentanni.


Sono nata il 2 maggio 1986 alle dieci meno un quarto di un caldo venerdì di primavera. Sono nata Enrica, anche se tutti aspettavano Edoardo. Sono nata con un po' di fretta tanto che il papà non ha fatto tempo ad arrivare in tempo. 3,6 kg di capelli e neri e testardaggine.
Poco più di un mese e saranno passati 30 anni da quel venerdì e nulla cambierà se non quel 3 a cui per sbadataggine dovrò fare attenzione.

30 per ora siete solo un numero da modificare e mi sentirò sempre e solo appartenente ad una categoria quelle delle Enriche nate il 2 maggio alle 9.45 di mattina.

Leggi anche questi

0 commenti

Iscriviti