MODA / PERCHé LE BORSE FRENZLAUER CONTINUANO A PIACERCI (ANCHE GRAZIE AD INSTAGRAM)

venerdì, dicembre 02, 2016

il modello flyer indossata da ilblogdellaconnie.com
Certi amori sono colpi di fulmini, altri lenti innamoramenti. Quello nato per le borse di Frenzlauer è stato lento, ed è iniziato con una pulce nell'orecchio messa da un'amica.  
Il brand toscano di borse e accessori artigianali di  Francesca Neri lo conoscevo già, e in fin dei conti è difficile non conoscerlo per chi ha un utilizzo di Instagram molto attivo. Si perché le borse di Frenzaluer si vendono online anche grazie al social su cui sono molto presenti indossate da giovani, ed è il caso di sottolinearlo raffinate, blogger e influncer (come abbiamo imparato a dire di recente).  Segno indiscutibile che scegliere il testimonial giusto paga anche se ha milioni di follower. 



Io in certi casi arrivo dopo e pur avendole già addocchiate non avevo prestato mai loro troppa attenzione, fino a che non si è trattato di acquistare la mia bucket bug di Mansur Gavriel. In quel momento mi è stato suggerito di prendere in considerazione la versione firmata Frenzlauer (lo stile in generale del brand è molto affine) e se il bucket bag non mi aveva colpito non si può dire lo stesso della Flyer bag, e di tutta la collezione che per la prima volta ho esaminato con più accuratezza.

Complice lo stile di chi le indossava su Instagram, un po' parigino e un po' berlinese, ho iniziato ad apprezzare ogni modello al punto che adesso è entrata in wishlist la Flyer Bag nera. 

La collezione di Frenzlauer ha otto modelli dalle linee eleganti, minimal e pulite, una palette di colori che le rende senza tempo (dal nero al grigio cenere, dal cammello al rosso lampone fino) dei nomi che sono un chiaro invito a prendere un aereo e uno stile che racconta il Made in Italy (perché Mansur Gavriel è nato a New York ma le due giovani imprenditrici anime del brand, specificano bene che la manifattura è del nostro paese).

Instagram è il caso di dirlo colpisce ancora, ci cucina a fuoco lento e in questo caso premia anche la qualità di un buon prodotto. Il vero segreto però è che le borse si vendono per ora solo online, spesso sono Sold out e se Francesca Neri ha fatto del social il suo primo canale marketing lo ha fatto con equilibrio e misura; così da non rendere i suoi modelli inflazionati e onnipresenti al punto da farci stancare presto.






Leggi anche questi

0 commenti

Iscriviti