VIAGGI / UN WEEKEND A MERANO E DINTORNI

venerdì, aprile 21, 2017



Se fate una ricerca online su cosa vedere a Merano, e perché scegliere la città dell'Alto Adige/Südtirol come meta per un lungo weekend, probabilmente i primi suggerimenti saranno terme e mercatini di Natale. In realtà senza dover ricorrere a Google anche io avrei al gioco delle associazioni mentali proposto le stesse due parole. Le terme di Merano sono da sempre nella mia wishlist delle esperienze di relax da concedersi, e ammetto che dopo averle viste dal vivo mi sono largamente pentita di aver rimandato la loro visita essendo Merano non così lontana da Venezia. I mercatini di Natale sono un’altra grande attrattiva da vivere durante il periodo di dicembre, ma io ho ben presto capito che dovremmo considerare solo due valide scuse per prendere e partire e goderci quello che può regalare questa piccola perla dell’Alto Adige. 


Merano e i suoi dintorni sono infatti molto più di tutto questo, e scoprirli è stata la conferma di quanto alle volte (me per prima) scegliamo mete lontane senza goderci a fondo quello che ci circonda. Saprei suggerire musei, brunch ed esperienze da vivere a Parigi o a New York ma fino a poche settimane fa non sapevo che tra le esperienze più emozionanti che si possono fare c’era la ciaspolata su un ghiacciaio con annessa scoperta di un crepaccio. Che avrei potuto fare parapendio, camminare sulle rive di un fiume, godermi il relax di una Spa e farlo senza dover allontanarmi troppo da casa..C'è un mondo fuori da scoprire e spesso è a portata di mano.

COSA VEDERE A MERANO

Una ciaspolata sul ghiacciaio della Val Senales

Avevo già ciaspolato una volta sul Lago di Braies ed era già stata un’esperienza divertente; un modo per vivere la montagna d’inverno facendo attività senza dover rimettere gli sci ai piedi. Ciaspolare sul ghiacciaio della Val Senales (li dove anni fa sono stati trovati i resti dell’uomo mummificato Otzi) è però stato più che divertente: è stato emozionante! Una distesa di neve infinita, le montagne maestose che guardano all’Austria e il ghiacciaio che ogni tanto si palesa mostrandosi in piccole parti. Se capita poi di fare quello che non ti saresti mai aspettata:accettare di scivolare dentro una buca appena fatta nella neve per scoprire un crepaccio e camminarci dentro allora il tutto diventa indimenticabile. Quelle cose che vedi nei film e pensi di non poter mai vivere, quei momenti in cui dici io non lo faccio e quando lo fai sei felice come una bambina che alla vinto alla lotteria l’orso di peluche più grande che sia. La Val Senales è stata una vera scoperta anche per me che da Veneta non sono nuova alle montagne del vicino Trentino.



Una camminata per il centro di Merano e relax alla Terme

Succede alle volte che mentre scopri una nuova città ti domandi (almeno a me succede sovente) se ci vivresti. Io prima di partire non mi sentivo tipo da montagna e avrei scommesso che a Merano non ci avrei probabilmente mai voluto vivere. Si sa i pregiudizi sono una brutta bestia, e ho ben compreso che definirla una città di montagna sarebbe decisamente improprio o almeno riduttivo. Merano è coccolata dalle montagne, ma è al contempo una cittadina viva anche dal punto di vista culturale che trasmette una sensazione di relax e benessere e lo fa essendo a misura d’uomo. Niente clima rigidi (ovviamente non è il sud Italia), negozi e negozietti nella strade del centro, mercatini dove fare la spesa a chilometro zero, buoni ristoranti, una camminata lungo fiume da cartolina, gli impianti sciistici da raggiungere in giornata, le terme in centro città dove rilassarsi e la bicicletta da utilizzare per spostarsi in città. Ebbene si Merano è da scoprire e perché no farci anche un pensierino da cambiovita.




La Spa perfetta vicino agli impianti di Merano 2000

Camminare nei boschi d’estate e godersi gli impianti sciistici d’inverno. Le carte in regola per godersi appieno il lato active del comprensorio di Merano 2000 ci sono tutti, se poi aggiungete anche la possibilità di godervi a fine giornata una super Spa come quella del Josef Mountain Resort la vacanza perfetta è servita. Al punto che dover tornare a casa sarà dura. Piscina riscaldata, sauna finlandese, e un’offerta tra rituali e massaggi che rende ardua la scelta perché si vorrebbe provare tutto. Io ancora sogno di ripetere il massaggio con i cristalli. 




DOVE MANGIARE A MERANO

Via Giuseppe Verdi, 18, 39012 Merano BZ

Per convincervi a scegliere questo splendido posto per soggiornare a Merano basterebbe consigliarvi di curiosare tra le foto di Instagram scattate qui. Vincerei facile senza dovermi sforzare troppo. La bellezza di questa villa nel cuore di Merano, dei suoi ambienti arredati con gusto seguendo la tradizione ma strizzando l’occhio alla modernità, il giardino discreto e in fiore e le sale dove gustare la colazione che sembrano quelle di una rivista di design, parlano in effetti da sole. Non solo l’occhio vuole la sua parte però, e un giovane cuoco presidente dell’associazione Slow Food dell’Alto Adige Südtirol vi farà sognare un never ending breakfast. Tra yogurt fresco servito con pistacchi di bronte e muesli, pane fatto in caso e uova servita con asparigi, per citare solo alcune delle prelibatezza gustate qui.  




Via Stazione, 17, 39040 Parcines BZ

Ogni parola scelta, anche minuziosamente, per descrivere questo ristorante non renderebbe l’idea. Onkel Taa è un posto unico, un memorabilia e un museo dedicato a Sissi e Francesco Giuseppe. Presentato così potrebbe sembrare un classico ristorante turistico dove la cucina passa in secondo piano cedendo il posto al pittoresco ambiente. Niente di più sbagliato, la cucina è ricercata e il team femminile che la anima (nonna, mamma e figlia) fa della materia prima e della ricerca (anche nell’uso di erbe e spezie) la propria punta di diamante. Il fiore all’occhiello qui sono però le lumache, allevate proprio qui e proposte in mille modi. Imperdibile.



Maso Corto, 39020 Senales BZ

Canederli? Si grazie! Ne sono sempre stata un’estimatrice e qualche volta ho aiutato anche a farli handmade in casa. Provarne però di così particolari non mi era ancora mai capitato. I classici di solito da gustare in brodo o con il burro sono di speck o spinaci. Quelli gustati nel rifugio Bella Vista in Val Senales sono stati insuperabili e diversi dal solito. Canederli al tartufo, al grano saraceno e perfino quello ripieno di nutella. Con un buon bicchiere di vino la giusta ricompensa ad una lunga emozionante ciaspolata.



Via Palade 1 / I-39010 Cermes

Impossibile venire in Alto Adige/Südtirol e non tornare a casa con qualche bottiglia di vino. L'azienda vinicola Kränzel del Conte Von Pfeil è il luogo ideale dove scoprire i vini di queste parti, e dove fare acquisti. Da visitare anche solo per ammirarne la vigna e i giardini. Se poi volete completare l’esperienza, tappa d’obbligo è il ristorante annesso dove concedersi una cena di livello. Ambiente curato nei deattagli e molto moderno, cucina dal sapore più internazionale e rivisitata e il ricordo di un posto da consigliare a chiunque passi da queste parti.


DOVE DORMIRE

Rosa D'Oro
Certosa 29 Karthaus, 39020 Senales - Schnals, Bozen 

Per chi è pronto ad esplorare la Val Senales il Rosa D'Oro è l'albergo giusto da scegliere per una settimana bianca e non solo. Camere accoglienti e spaziose e un ristorante dove poter ogni sera gustare la cucina più tipica, in un ambiente curato e accogliente. Anche qui non manca la piccola spa per farsi coccolare dopo una giornata di attività sportiva.

Villa Bergmann
Via Haller, 36, 39012 Merano BZ 


Cinque suite da sogno in una villa nel centro di Merano, Villa Bergmann è stato il luogo ideale dove soggiornare per muoversi poi a piedi in città. Ogni stanza è quasi un piccolo appartamento, dotato di cucina, un ampio bagno e una camera da letto arredata con lo stile tipico del sudtirolo. Perfetto anche per gruppi di amici!

Leggi anche questi

0 commenti

Iscriviti